lunedì 16 agosto 2010

"Chi pota di maggio e zappa d'agosto, non raccoglie né pane né mosto."


o sarebbe più giusto dire: "Chi dorme d'agosto, dorme a suo costo".
o anche:  "Chi non ha pane lavorato, agosto diventa maggio".
ma: "Quando piove d'agosto, piove miele e piove mosto".
e: "Ogni uccello, d'agosto è beccafico".
voglio dire, sono in vacanza! questo è quel che è rimasto dell'ultimo tentativo di disegnare qualcosa. loro se la ridono, ma dopo gli esami vedono poi. ora vado a fare un pic-nic con un plaid a quadretti.

0 commenti:

Posta un commento

© damiano fenoglio 2012